Concorso ordinario – prova preselettiva

Quando si svolge la prova preselettiva del concorso ordinario docenti?

La prova preselettiva si svolge nel caso in cui il numero dei candidati superi di 4 volte il numero dei posti a concorso e, in ogni caso, non si inferiore a 250.

Com’è strutturata la prova preselettiva?

La prova Preselettiva del concorso ordinario per docenti, bandito nel 2020, sarà costituito da:

  • 20 quesiti finalizzati ad accertare le capacità logiche;
  • 20 quesiti finalizzati ad accertare le capacità di comprensione del testo;
  • 10 quesiti finalizzati ad accertare le conoscenze della normativa scolastica;
  • 10 quesiti finalizzati ad accertare la conoscenza della lingua inglese almeno a livello B2.

Ogni risposta esatta vale 1 punto, le risposte sbagliate oppure non date valgono 0 punti.

La prova preselettiva dura 60 minuti.

Passano alla prova successiva, il primo scritto, un numero di candidati pari a 3 volte i posti messi a concorso per quella regione e per quella determinata procedura. Sono ammessi colori che abbiano conseguito un punteggio uguale all’ultimo degli ammessi alla prova successiva.

Il punteggio della prova preselettiva non verrà tenuto in considerazione per determinare il punteggio finale, che sarà dato dalla somma dei punteggi delle 2 prove scritte, dell’orale, e dei titoli.

Di seguito un estratto sulla prova Preselettiva del Concorso Ordinario:

(Prova preselettiva)

  1. I candidati devono superare una prova di preselezione computer based, volta all’accertamento delle capacità logiche, di comprensione del testo, di conoscenza della normativa scolastica, nonché della conoscenza della lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue.
  2. La valutazione della prova preselettiva è effettuata assegnando 1 punto a ciascuna risposta esatta, zero punti alle risposte non date o errate.
  3. Alla prova scritta è ammesso un numero di candidati pari a tre volte il numero dei posti messi a concorso nella singola regione per ciascuna procedura. Sono altresì ammessi alla prova scritta coloro che, all’esito della prova preselettiva, abbiano conseguito il medesimo punteggio dell’ultimo degli ammessi, nonché i soggetti di cui all’articolo 20, comma 2-bis, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, che si avvalgono della facoltà di essere esonerati dalla prova di cui al presente articolo.
  4. Il mancato superamento della prova preselettiva comporta l’esclusione dal prosieguo della procedura concorsuale. Il punteggio della prova preselettiva non concorre alla formazione del punteggio finale nella graduatoria di merito.

Bando completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *